Alcune poesie di Renato Appi

Cul còur in man

Cul còur in man
iò t’ài spetàt te tornàs
dal "Lasimpòn"
ài 'sguoitàt lì cassèlis,
ài neràt l’armaròn,
come in chê uòlta...

Sensa doman
iò te savèvi, e te spetàvi!
De tant in tant
iò te sintìvi dî li’ preghieris,
come ‘na uòlta
tal timp lontàn.

La ciàsa ‘a tàs
squasi a confòndisi tal gran silènsiu
colmu de te.
tu no te sàs che no pòus vivi
se no te rivis
prest chì da me.
 

Con il cuore in mano

Con il cuore in mano
ho atteso che tu tornassi
dalle germanie;
ho svuotato i cassetti,
ho pulito l’armadio;
come quella volta...

Senza domani
io ti sapevo e ti aspettavo!
Di tanto in tanto
ti sentivo recitare le preghiere,
come una volta
nel tempo lontano.

La casa tace
quasi confondersi nel grande silenzio
pieno di te.
Tu non sai che non posso vivere
se non arrivi
presto da me.


 
  

Se tu me spètis...

“Se te me spètis
torni!…”
al veve dit Morùt
in tal ciantòn de ciàsa,
cu’un fil de òus,
smarìt,
e dut al còur in flama
“Torni!...”

E al era zut cussì
cun dut chel fil de òus,
incuntra a un altri mondu...

a chel ciantòn de piera
l’arba ‘a è cressùda, adès.
Morùt nol è tornàt.
 
Se mi attendi...

"Se mi attendi
ritorno!..”
aveva detto “Moretto”
all’angolo della casa,
con un filo veloce,
smarrito
e con il cuore in tumulto
“Ritorno!…”

E se ne rea andato così,
con quel suo filo di voce,
incontro ad un altro mondo…

A quel angolo di pietra
l’erba è cresciuta, ora
“Moretto” non è tornato.
  

Ricuardi

Nome iò sòul suoi ca,
iò che ài vut sempri
pan e lat al bisùi
e luliànis da vendi,
iò che ài lassà i biei dìs
- dus da rimplazi –
tra i “Curièi” e i “Sedùs”
tra la “Senta” e “ciaràndis”...

Me ricuardi Anzolùt,
Ivo “Bec” e sìò fradi,
sempri ros, sbradinàs,
sempri i prins a pavàri,
o a bruscùs, o a ras’ciòs,
o a ciatâ ùa-camàra,

via cul frèit o cul ciàlt,
èlu sòul e èlu ploia,
sempri lègris compais,
sempri i ùltins a scuola.
Me ricuardi de dus…
Ma no duàr a la nuòt
se me impènsi i scolpès
ch’a mangiàvin par sena.
 
Ricordo

Soltanto io sono rimasto qui,
io che ho sempre avuto
pane e latte in abbondanza
e salsicce da vendere,
io che ho lasciato i biei giorni
- tutti da rimpiagnere-
tra i “Curìei” e i “Sedùs”
tra la “Senta” e i “Ciaràndis”...

Mi ricordo Angelino,
Ivo “Bec” e suo fratello
sempre laceri, sbrindellati,
sempre i primi papaveri,
o a ramoscelli, o a racimoli,
o a trovare dulcamara,

via con il freddo o con il caldo,
con il sole o con la pioggia,
sempre allegri ugualmente,
sempre ultimi a scuola.
Mi ricordo di tutti...
ma la notte non dormo
se penso ai granelli di mais
che mangiavo per cena.  

 
  

Un ciant par mê mari

Dal scùr pagàn
de sècui de miseria
patî
nol disonora!

E se un destìn caìn
al pàr ch’al ne molesti,
un coru al te esalta,
mari;
musica eterna
al ciant de l’opra viva
fata piera cun te
Mater Dei dolorosa
-agrima e sanc-
dal dì che sen nassùs
 
Un canto per mia madre

Dal buio pagano
di secoli di miseria
patire
non disonora!

E se un destino malvagio
sembra che ci perseguiti,
un coro ti esalta,
madre;
è musica eterna
il canto dell’opera
scolpita con te,
Mater Dei dolorosa
-lacrima e sangue-
dal giorno in cui siamo nati.